Iaquinta? Tanto la Roma è devastante

Il caso Iaquinta se non avesse del vergognoso sarebbe un caso da ridere. Guarda un po', uno dei centravanti più forti del momento, proprio in occasione della partita con la Juve, viene lasciato inspiegabilmente fuori. Anzi, una spiegazione ce la danno, di stampo tipicamente aziendalista: il giocatore non si allinea allo spirito della squadra. Pozzo teme addiritura che possa fare il 'sindacalista', che, detto in termini Maccartisti (a proposito, sull'argomento andatevi a vedere il film Good night and Good luck, di George Clooney), suona come: sei un pericoloso comunista perché difendi i tuoi diritti. Bà! Tanto quest'anno la Juve possono cercare di aiutarla come vogliono, possono farle favori su favori, regali su regali; se la Roma gioca come ieri sera non ce n'è per nessuno. E non è mera esaltazione da vittoria. E' la riflessione dopo aver visto all'opera una squadra totalmente rivitalizzata, un Totti a livello di Zidane e Ronaldinho messi insieme, una difesa arcigna, un attacco che avrebbe potuto fare altri tre gol netti minimo. Sì, possono provare ad aiutarla come vogliono la Juve, tanto la Roma se gioca così è devastante. E non ci fermerà nemmeno Trefoloni quest'anno. Intanto, domenica Forza Parma e poi Forza Inter fra due domeniche. Ma quando torna Cassano che faremo, se pure lui si mette in testa di giocare come sa?

2 commenti:

Antonio Sofia ha detto...

bene, una bella vittoria e un tifoso che torna a volare.
non posso che esserne felice.

un pensiero per Leandro Cufrè, che ieri si è infortunato. Daje Leo, tornerai mejo de prima!!!
(quando vedo che non riesce ancora a fa' il suo primo gol mi fa na tenerezza assurda..è un GIGANTE!)

A.

Anonimo ha detto...

mmmmh
qualcuno si ricorda del mio discorso su come ci si esalta dopo aver battuto la battipagliese???
Eccone la prova.
Quindici giorni fa era tutto da buttare e adesso, dopo un pareggio a Livorno ed una vittoria con il Parma più scarso degli ultimi venti anni, siamo già pronti per vincere campionati e coppe varie...
E' proprio vero che i tifosi ragionano col cuore, e con la pancia...
Peccato che queste altalene non aiutino la squadra, e non parlo del tuo post chiaramente, bensì di un andazzo generale che coinvolge radio e giornali sempre pronti a cavalcare l'onda.
Ovunque essa vada.
Perrotta uno dei migliori in campo, e dieci giorni fa rischiava il linciaggio...
Totti come zidane e ronaldinho e due settimane fa era un pesce fuor d'acqua...
Curci??? Un po' campione un po' coglione...
Montella è intoccabile!!! E adesso tutti dietro a Nonda...
Bello il calcio no??
In quale altra parte del mondo si può dire tutto ed il contrario di tutto ed avere comunque ragione???
Basta aspettare la giornata giusta ;-)
Più che uno sport uno show...
temo a volte che "campioni" sia solo un esperimento e che il calcio diventi presto il più grande reality mai ideato da mente umana.
Se già non è così...