La Sig.ra Mazzoleni e lo scudetto ogni 10 anni

M'era sfuggita questa perla, per questo ne scrivo solo adesso. E chiedo scusa ai tifosi romanisti per questa pecca. Dunque la signora Mazzoleni, dirigente giallorosso nonché braccio destro di Rossella Sensi (che bello siamo l'unica squadra di serie A, o forse di tutto il calcio italiano, ad avere dirigenti donne), in una recente intervista rilasciata se non ricordo male alla Gazzetta, ha detto quanto segue. Punto primo; 'stiamo lavorando per vincere uno scudetto ogni 10 anni'. Punto secondo; 'fra il quarto posto e la Coppa Uefa scelgo il primo'. Io, da tifoso romanista medio, mi incazzo. Come una bestia. La signora Mazzoleni invece va anche fiera delle sue affermazioni. Lei sta dicendo che loro lavorano per farci vincere, forse, uno scudetto nel 2010 e noi dovremmo andare allo stadio felici e contenti. Non si è mai vista una cosa del genere. Io, da tifoso medio, e proprio perché sono tifose della Roma, mi aspetto una dirigenza che mi dica che lavora per vincere ogni anno, o almeno provarci. Invece devo ascoltare questi ragionieri del pallone (con tutto il rispetto per la categoria) che disquisiscono sui conticini e le entrate, le convenienze, limitano le aspirazioni ('fra il quarto posto e la coppa Uefa preferisco il primo'!!!!!!!). Sconvolgente. Questa mente geniale, questa 'illuminata' dirigente sta dicendo che non le interessa vincere, l'importante è andare in Champions, certo, e beccarsi i soldi dell'Uefa e degli sponsor. E il tifoso se ne stesse a casa a guardare Sky. Questa signora, se tutta l'attuale dirigenza non fosse obiettivamente discutibile, in una qualsiasi società seria che vuole vincere verrebbe spedita a casa ad accudire i bimbi o i nipoti. Qui invece viene fatta passare per l'avanguardia di una mentalità tutta romanista (Ma chi l'ha decisa? Avete consultato i tifosi?) che si accontenterebbe di rimanere defilati, vincere meno ma allo stesso tempo ringozzare di miliardi le sue presunte star. Io con tutto il cuore, spero che Spalletti non le dia ascolto, e punti alla finale di Eindhoven. Vogliamo la Coppa Uefa, signora Mazzoleni, se lo metta in testa. Ma i tifosi in curva si fanno sentire o no???? Cribbio!

3 commenti:

Antonio Sofia ha detto...

adria':-)
te la pigli troppo.
che vuoi che facciano..se son lì a giocarsela a maggio si ritirano?
secondo me è anche normale..considerando che uno ogni dieci anni non si è mai vinto..pensare di poterci migliorare progressivamente. che ti doveva di' quelle frasi che a rileggerle poi ti vien da di'..ah ci ha preso per il culo?
Io ovviamente sto con Francesco che dice "punto allo scudetto". Però te non sei mesi, non un mese, ma una settimana fa dicevi che eravamo ridotti male. Così non va adria'!!!
Io ti dico invece di star sereno perchè grazie a dio due cose non ce le possono togliere: nel bene o nel male in campo ci vanno i giocatori; nel bene o nel male siamo noi a volerci credere.
E io a sto Gioco ancora credo.
Per questo so
che potrò
essere Dio.
prima o poi non importa.
:-)
A.

adriano ha detto...

Be' ma io me la piglio così perché sono viscerale, perché sto sport mi tira fuori le budella e me le rigira e me le rimette dentro. E allora, visto che sono un ariete istintivo e cornuto e che sragiona, vado fuori di capoccia.. :-))) ma le cose devo dirle, mi premono sulla lingua e guai se non le faccio scappare fuori... con buona pace della coerenza...
ahh santa pace...
un saluto

momyone ha detto...

Caro Adriano, caro Direttore, sinceramente sono anni che sento la dirigenza della mia squadra(tutta al maschile, manco possiamo mandarli a far la calza con un po' di sacrosanto maschilismo) annunciare che scudetto e coppa sono i nostri obiettivi. Che la squadra c'è e che i sacrifici economici sono stati fatti. Ci prende per il sedere tutta Italia... siamo sempre lì e da nessuna parte. Preferirei forse, per una volta, sentirmi dire: lavoriamo a lungo termine. Ci crediamo, credeteci anche voi. Forse a maggio mi sentirei meno presa per il... ;*)